Urbanistica

Prima bozza, adattata dal Programma per il Comune di Napoli del 2011 (a cura di Maurizio Russo)

Un'Urbanistica comprensibile a tutti per città più amiche dei cittadini

Le città italiane, godono di attrattive incomparabili, invidiate nel mondo. Eppure queste città così belle non sempre sono altrettanto dolci ed accoglienti con i propri ospiti e i propri cittadini. Anzi, per molti versi sono città dure, che non danno tregua, che non offrono condizioni accettabili di vita in molti quartieri.
I centri antichi grondano di storia, ma gli spazi e le piazze sono poco curati, amati, valorizzati, così come i monumenti e i palazzi. Le strade sono spesso poco pulite e invase ancora da troppe auto e moto, con pericoli per i pedoni e per i pochi ciclisti in circolazione. Moltissimi edifici fatiscenti e inabitati potrebbero essere recuperati per dare abitazioni a giovani, studenti, famiglie. E gli edifici irrecuperabili, privi di ogni valore storico, potrebbero lasciare spazio ad angoli di verde, di gioco, d’incontro. I luoghi di ritrovo, i punti di riferimento, i presidi di civiltà ancora troppo pochi, e da creare dove mancano.
Questo discorso è valido, con tutte le differenze del caso, sia per i quartieri di più antico impianto, sia soprattutto per quelli privi della minima qualità urbana, cresciuti troppo velocemente o addirittura abusivamente negli ultimi decenni. Pensiamo alle aree urbane grandi e popolose come città medie che hanno fagocitato in un caos informe gli elementi di valore che pure vi sono o vi erano presenti, come gli antichi casali, i terreni agricoli, gli assi strutturanti di storica memoria.
In questi quartieri, oltre a quanto detto per le aree più centrali e consolidate delle città, occorre individuare in ogni ambito significativo un grande progetto di riorganizzazione e riqualificazione, con la partecipazione attiva dei cittadini.
Infine, le operazioni di rilancio dei principali volani per uno sviluppo sostenibile dell’impresa, dell’occupazione e del tempo libero sono ferme da troppo tempo. Le amministrazione locali hanno completamente fallito l’obiettivo di creare una governance ampia e concorde sul futuro di queste aree strategiche. Bisogna sbloccare la situazione, mettere in moto un confronto ampio e trasparente, bandire categoricamente veti incrociati e pretese speculative, e discutere TUTTI INSIEME – cittadini, investitori, pubbliche amministrazioni – sul da farsi.


Linee guida

Proposte

• Città Europee della conoscenza e della creatività
• Progetti in ogni quartiere con la partecipazione attiva dei cittadini
• Case del Quartiere diffuse in tutta la città
• Governance allargata a tutti per le aree strategiche
• Edifici storici recuperati consegnati a Associazioni, Cooperative e Piccole Imprese
• Spazi aperti puliti e fruibili
• Urban Center di rilievo urbano e metropolitano

Ma tutto questo sarebbe solo un libro dei sogni se non si dicesse in modo ossessivo che la pianificazione urbanistica è fortemente legata ad alcune condizioni di sistema che ne rendono produttivi il lavoro e i risultati. È cioè necessario che anche altri settori della macchina amministrativa funzionino nel modo migliore.

Gestione finanziaria
Uso efficiente e trasparente delle risorse finanziarie disponibili; lotta agli sprechi e alla corruzione.

Riforma della macchina amministrativa
Funzionamento integrato e costante interconnessione tra gli uffici che si occupano di pianificazione urbanistica, mobilità, lavori pubblici, parchi e giardini, arredo urbano, reti varie (rifiuti, energia, fogne, ecc. ecc.), infrastrutture, logistica, grandi impianti.

Comunicazione e partecipazione
Forte impulso all'informazione e partecipazione dei cittadini per la gestione attiva delle città, raccogliendo costantemente giudizi e suggerimenti che servano al miglioramento dei servizi forniti; costante attenzione alla governance pubblico-privato e al fomento di iniziative e risorse private e della società civile (associazioni, terzo settore). Case di quartiere. Urban Center di rilievo urbano e metropolitano.

Realizzazioni e Manutenzioni
Sviluppo di un sistema efficiente e competitivo di progettazione e lavori pubblici: velocità, qualità, manutenzione ordinaria e straordinaria, giardinaggio. Concorsi d’architettura e urbanistica, valorizzazione dei progettisti e delle maestranze locali più qualificate.

Approfondimenti

lecarrebleu.gif
Per approfondire e articolare meglio quanto precede si ripropongo i 6 doveri degli urbanisti nella città attuale, proposti dalla rivista internazionale di architettura Le Carré Bleu - n. 3-4/2009 (http://www.lecarrebleu.eu/allegati/3-4%202009%20screen.pdf). Tali “doveri”, o “buoni principi” urbanistici, elaborati da Maurizio Russo, sono desunti dallo studio di alcune tra le migliori pratiche e progettazioni urbanistiche degli ultimi decenni, nelle città di Helsinki, Zurigo, Bilbao, Sesto San Giovanni, Reggio Emilia e Salerno.
Desideriamo comunque ricordare che un decalogo di “doveri” può essere esauriente ma mai esaustivo, dato il carattere sintetico e mutevole delle questioni ritenute prioritarie in un dato momento. Inoltre questi doveri, per produrre risultati concreti, più che nei codici di legge devono entrare nelle convinzioni diffuse e nelle pratiche quotidiane della società. Tale risultato può essere raggiunto solo contro forti interessi consolidati, e contro retaggi culturali difficili da superare. Tra questi, l’idea che la produzione di ricchezza debba necessariamente avvenire a danno di altri o dell’ambiente.

Dovere di conoscenza
Anzitutto, il convincimento dell’utilità di rivolgere lo sguardo a diverse realtà urbane, almeno in Europa, per confrontarne i problemi e le soluzioni adottate. Dal nostro esame emerge che, pur con tutte le differenze, le città europee affrontano problemi simili con strumenti e soluzioni simili, o comunque comparabili tra loro. Ci riferiamo in modo particolare ai contenuti convergenti alla scala continentale dei “piani strategici” (o Projets de ville) come visioni complessive di sviluppo delle città e dei “progetti urbani” come strumenti attuativi di quelle visioni e programmi generali.
Laddove inoltre le proposte e soluzioni innovative adottate localmente non sono ancora diffuse altrove, esse devono essere attentamente studiate per verificarne le possibilità di applicazione anche in altri contesti.
Il PRIMO “DOVERE” che risulta da queste considerazioni può essere definito un DOVERE DI CONOSCENZA, cioè di costante aggiornamento e confronto internazionali alla ricerca di risposte innovative a problemi comuni.

Dovere ecologico
Il secondo convincimento è che si considera ormai conclusa la fase di espansione indiscriminata delle città e di consumo illimitato delle risorse ambientali. Le realtà esaminate cercano tutte, benché in maniere differenti, di ricondurre l’esplosione metropolitana degli ultimi decenni nei termini di nebulose riconoscibili, privilegiando il recupero e la trasformazione dell’esistente oppure l’espansione di tipo lineare o lineare-anulare, in stretta corrispondenza con i servizi di trasporto pubblico collettivo.
Attraverso il concetto di “densificazione” si cerca di restituire dignità urbana a tutte le attuali periferie e di reintrodurre nelle città ampie aree verdi, naturali o agricole. In questo senso, i “progetti urbani” si servono sovente, in forma congiunta, sia di trame urbane tradizionali produttive di “effetto città”, sia degli schemi desunti dalla modernità (Carta d’Atene) per un più stretto rapporto con il paesaggio. Inoltre, è soprattutto nella prossimità urbana che trovano l’utilizzazione più proficua le nuove tecnologie energetiche, come nel caso non solo del solare ma anche delle centrali di cogenerazione o nello sfruttamento dell’energia geotermica.
Un ruolo essenziale in questo contesto è giocato dalle reti del trasporto pubblico collettivo, che evolvono dal tipo quasi esclusivamente radiale dei decenni passati al tipo radiale-concentrico di oggi, in cui le aree di espansione periferica sono direttamente collegate tra loro. L’obiettivo non è solo quello di ridurre l’inquinamento e il traffico automobilistico ma anche quello di migliorare la qualità dello spazio pubblico privilegiando la mobilità alternativa , soprattutto pedonale e ciclabile.
Possiamo dunque definire il nostro SECONDO “DOVERE”, in termini generali, come DOVERE ECOLOGICO, tendente a ridurre il consumo di suolo e di risorse naturali per una migliore sostenibilità energetica e ambientale degli insediamenti.

Dovere di progettare la complessità
Il terzo convincimento riguarda il netto rifiuto dei vecchi concetti di “zoning” funzionale e sociale e di “tabula rasa”, considerati tra i principali responsabili della condizione di “periferia” in molti quartieri della città moderna. Oggi, viceversa, si riconosce la necessità di estendere a tutte le parti urbane adeguati caratteri di complessità altrimenti tipici dei centri storici, contrassegnati da ricchezza e commistione di funzioni e attività, stratificazione urbanistica e architettonica, alta densità informativa. Ciò corrisponde peraltro anche alle esigenze della sostenibilità ambientale – evocate al punto precedente – in quanto la prossimità di residenze e commerci, attività produttive compatibili e servizi per la collettività consente di svolgere molte pratiche sociali a piedi o in bicicletta, riducendo così anche il ricorso alle auto private.
Che si tratti di vecchie zone dismesse da ristrutturare o di quartieri da realizzare ex novo, l’obiettivo della complessità urbana può essere validamente perseguito solo alla scala ravvicinata del “progetto urbano”, attraverso un’attenta lettura dei caratteri naturali del sito e delle preesistenze antropiche. La necessità di concentrare in superfici relativamente ristrette funzioni molto diverse tra loro come attività urbane, residenze, spazi verdi e di loisir, attribuisce grande importanza allo spazio pubblico ai fini dell’articolazione e distribuzione delle differenze. In questo senso, il “progetto urbano” può essere definito come un costruttore di complessità, un edificatore di città.
Tale complessità risponde peraltro alla straordinaria diversificazione sociale della città contemporanea e ai diritti emergenti delle infinite categorie demografiche e socio-professionali che la popolano: dalle donne, agli anziani, ai bambini e ragazzi, fino alle minoranze civili ed etniche.
A tutti l’urbanistica ha il dovere di offrire spazi adeguati, evitando tuttavia le ghettizzazioni, secondo il “principio etico” di Heinz von Foerster: «Agisci sempre in modo da aumentare il numero delle scelte».
Definiamo dunque il TERZO “DOVERE” come un DOVERE DI COMPLESSITÀ, o un DOVERE DI PROGETTARE LA COMPLESSITÀ.

Dovere di comunicazione, partecipazione e governance
Il quarto convincimento è che, così stando le cose, il progetto della complessità è esso stesso un progetto complesso, popolato da molte voci, con una ricca geografia sociale oltre che fisica a cui fare riferimento. Il punto di vista degli abitanti della città, dei residenti dei quartieri oggetto di trasformazione e dei quartieri vicini è fondamentale per comporre correttamente la mappa sociale dei bisogni e degli interessi coinvolti ed offrire risposte pertinenti. La partecipazione dei cittadini comuni si rivela particolarmente preziosa soprattutto alla scala del “progetto urbano”, purché essa sia sollecitata in modo sincero da istituzioni credibili.
Più in generale, il carattere “controllato” dello sviluppo urbano contemporaneo lungo linee d’espansione e densificazione ben definite, obbliga a coordinare gli sforzi di molteplici attori e interessi verso obiettivi condivisi. Ciò può avvenire solo attraverso adeguate tecniche di comunicazione e governance in grado di conciliare le finalità spesso contrapposte di soggetti pubblici, privati e della società civile. Il progetto della complessità è dunque anche un progetto di composizione e mediazione d’interessi diversi, inclusi quelli più deboli o minoritari.
La comunicazione e partecipazione dei cittadini sono inoltre fondamentali per ottenere comportamenti orientati agli interessi generali della comunità e migliorare costantemente la qualità del funzionamento urbano. Ciò contribuisce anche al senso di consapevolezza e responsabilità dei cittadini.
Il QUARTO “DOVERE” è un DOVERE DI COMUNICAZIONE, PARTECIPAZIONE E GOVERNANCE.

Dovere di coesione, bellezza e competitività urbana
Il quinto convincimento è che la città deve essere bella e piacevole da vivere. Per la prima volta dopo decenni, la qualità dell’ambiente urbano non è più in conflitto con la competitività economica grazie alla rivoluzione terziaria e delle nuove tecnologie. È anzi proprio la qualità urbana il primo ingrediente del successo delle città come luoghi per investire, vivere, studiare e lavorare. Occorre tuttavia passare dalla filosofia del “troppo bello per essere possibile” a quella del “possibile proprio perché bello”.
Qualità urbana e competitività economica, fenomeni oggi strettamente associati tra loro, spiegano in gran parte la crescita demografica di alcune città europee. Ricerche recenti dimostrano che l’aumento di popolazione e un più favorevole bilancio demografico (giovani su anziani) non è imputabile esclusivamente agli immigrati, pur numerosi, ma a condizioni di vita favorevoli per tutti. Resta tuttavia essenziale per le città la capacità di assorbire e giovarsi delle diversità, favorendo sentimenti di coesione, tolleranza e relazionalità creativa in società sempre più variegate e multiculturali. A ciò contribuiscono occasioni di lavoro per tutti – non solo per i più istruiti – e servizi locali efficienti.
Ma c’è una ragione ulteriore per associare qualità urbana e coesione sociale. Riteniamo infatti che sia proprio la solidarietà tra le diverse categorie di cittadini, la migliore conoscenza reciproca e la partecipazione di tutti al governo delle città a costituire i fondamenti di una bellezza non asettica ma sostanziale e dinamica dell’ambiente urbano. Questo non vuol dire che a buoni progetti non debbano seguire eccellenti realizzazioni formali.
Il QUINTO DOVERE è allora un DOVERE DI COESIONE, BELLEZZA E COMPETITIVITÀ URBANA.

Dovere di buona amministrazione
Il sesto convincimento conferma il ruolo insostituibile che gioca la pubblica amministrazione nella pianificazione urbanistica e nel governo del territorio. Tra i suoi compiti più importanti vi è infatti quello di individuare gli indirizzi fondamentali dello sviluppo futuro attraverso adeguate tecniche di comunicazione e confronto con gli stakeholders. Essa deve inoltre dare seguito a tali indirizzi, promuovendo il coordinamento pubblico - privato di molteplici soggetti – proprietari, imprenditori, professionisti e altre autorità, per la realizzazione delle infrastrutture e dei progetti urbani necessari. Le opere devono essere ultimate in tempi ragionevoli, di alta qualità e gestite successivamente con adeguate risorse ordinarie.
Per svolgere questi compiti, le istituzioni devono mostrarsi competenti e in grado di utilizzare nel modo migliore i fondi pubblici a loro disposizione. Il loro successo dipende in gran parte dalla credibilità di cui godono presso la pubblica opinione, dalla concretezza dell’azione condotta e dalla capacità di ascolto e reazione nei confronti dell’utenza per il costante miglioramento dei servizi resi. Le istituzioni devono inoltre impegnarsi a rendere più chiare e flessibili le leggi che governano il territorio, rimanendo tuttavia inflessibili nel reprimere gli abusi edilizi e i danni all’ambiente. Altrettanto inflessibili devono essere nel promuovere al proprio interno il merito e la correttezza dei comportamenti amministrativi.
Il SESTO “DOVERE” è un DOVERE DI BUONA AMMINISTRAZIONE.


Elementi correlati

Slides illustrative


Commenti

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License